Tu mi nascondi qualcosa è la commedia corale diretta da Giuseppe Loconsole.
I tre protagonisti del film, tutti molto diversi tra loro, hanno una cosa in comune: la ricerca della verità, che raggiungeranno solo dopo una serie di equivoci ed episodi tragicomici.
Il primo dei nostri personaggi è Valeria , una fotografa provvisoriamente impiegata nell'agenzia del padre (Ninni Bruschetta) come investigatrice privata. Per errore si trova a pedinare la persona sbagliata e scopre che la compagna e futura sposa di Francesco , un artista di strada fino a quel momento felicemente fidanzato, lo tradisce.
A causa di questo malinteso il matrimonio crolla. Oltre al danno anche la beffa: è la donna a lasciare Francesco, che piomba in una profonda depressione. Convinto che la responsabile del fallimento della relazione sia Valeria, Francesco si rivolge a lei e pretende che lo aiuti a rimettere insieme i cocci della propria vita.
Poi c'è Irene , che lancia un appello in televisione per denunciare la scomparsa del marito Alberto, un imprenditore di successo. Fortunatamente riesce a rintracciarlo: un ospedale le comunica che l'uomo si trova ricoverato nella struttura da circa quindici giorni in seguito a un incidente in mare. Alberto sta bene, ma ha perso completamente la memoria. Quando Irene raggiunge il marito, trova una spiacevole sorpresa: una ragazza tunisina, Jamila , è già al suo capezzale.
Si scoprono così gli altarini dell'uomo: aveva da tempo una doppia vita insieme a un'altra donna. Per fortuna o purtroppo, Alberto non ricorda nulla, né l'una, né l’altra, e ora dovrà intraprendere un percorso di riabilitazione mentre risolve questo complesso triangolo matrimoniale. La soluzione dei dottori? Vivere tutti sotto lo stesso tetto per aiutare Alberto a recuperare la memoria.
Infine Ezio , uno scrittore di fantascienza che sta cercando di pubblicare il suo libro e nel frattempo fa il tassista, inizia a non tollerare più il lavoro da pornostar della moglie Linda . Tuttavia, lei è felice e realizzata, si sente soddisfatta della propria vita, piena di amore e di fedeltà. Ma quando Ezio inizia a essere pensieroso e a sospettare che tra Linda e un partner lavorativo ci sia altro, si rende conto di non essere quell'uomo libero, senza pregiudizi e tabù che credeva di essere. I rapporti sessuali della moglie con i colleghi, tutti dovuti a ragioni cinematografiche, non gli vanno più a genio come prima e il loro rapporto inizia a vacillare.


 

ROMA 00165
Via Gregorio VII, 126
Tel. +39.06.3219252
Bologna 40123
Via Saragozza, 26
Tel +39.051.343830
CONTATTI
Copyright © 2003-2015 - Mismaonda S.r.l. - P.IVA 04242530378
Torna su